«EVANGELIUM VITAE» AND LAW PONTIFICIUM CONSILIUM DE ...

Souvent, un examen et une réadaptation en basse vision permettraient de renouer avec des ... Le site www.malvoir-bienvivre.ch explique comment fonctionnent l'examen et la réadaptation ...... 17 Grunder Hans, PBD 8 .... 9 Français Olivier,


un extrait du document



«EVANGELIUM VITAE» AND LAW


PONTIFICIUM CONSILIUM DE LEGUM TEXTIBUS INTERPRETANDIS
PONTIFICIUM CONSILIUM PRO FAMILIA
PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA
 
 
ACTA SYMPOSII INTERNATIONALIS
IN CIVITATE VATICANA CELEBRATI 
 
 23-25 maii 1996 
 
Curaverunt: 
 
Card. Alphonsus LÓPEZ TRUJILLO 
Ex.mus Iulianus HERRANZ 
Ex.mus Aelius SGRECCIA
  
LIBRERIA EDITRICE VATICANA
1997
 
Presentation
  
  
Discourse of the Holy Father

H.E. Card. Alfonso López Trujillo, Relación entre ley, la familia y la vida. Palabras de apertura
H.E. Msgr. Julián Herranz, La struttura morale della libertà. Introduzione al Simposio
H.E. Msgr. Elio Sgreccia,  HYPERLINK "http://academiavita.org/index.php?option=com_content&view=article&id=126%3Ase-mons-elio-sgreccia-le-legislazioni-sulla-corporeita&catid=1%3Aevangelium-vitae-e-diritto&Itemid=67&lang=en" Le legislazioni sulla corporeità. Il saluto della Pontificia Accademia per la Vita
  
RELATIONS
 
Msgr. Carlo Caffarra,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/caffarra/caffarra" \t "_blank" Veritatis splendor -Evangelium Vitae: Il destino dell’uomo 
Prof. Pedro Serna Bermudez, La vida como problema de justicia: la contribución de la Evangelium Vitae a la Civilización del Derecho 
Prof. Mary Ann Glendon,  HYPERLINK "http://academiavita.org/index.php?option=com_content&view=article&id=128%3Amary-ann-glendon-womens-identity-womens-rights-and-the-civilization-of-life&catid=1%3Aevangelium-vitae-e-diritto&Itemid=67&lang=en" Women’s identity, Women’s rights and the Civilization of life
Prof. Theo Mayer - Maly,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/mayer_maly/mayer_maly" \t "_blank" Il diritto alla vita e la trasmissione della vita nei diversi sistemi ed esperienze giuridiche contemporanee 
Prof. Giuseppe Dalla Torre,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/dalla_torre/dalla_torre" \t "_blank" Le leggi contro la vita: il loro significato politico-giuridico.
Prof. Francesco D'agostino,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/dagostino/dagostino" \t "_blank" La Teologia del Diritto positivo: Annuncio cristiano  e Verità del Diritto.
Prof. Carlos Ignacio Massimi Correas,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/massimi/massimi" \t "_blank" El derecho a la vida en la sistemática de los derechos humanos.
  
PROBLEMS OF MEDICAL ETHICS AND LAW
(COMUNICATIONS)
  
Prof. William O'connor Moore,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/o_connor/o_connor" \t "_blank" Il rischio discriminatorio e selettivo nelle tecniche di ingegneria genetica e di procreazione artificiale.
 
Prof. Hugo Obiglio,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/obiglio/obiglio" \t "_blank" Experimentaci HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/obiglio/obiglio" ón sobre el hombre y el Derecho.
 
Dr. Vincenzo Turchi,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/turchi/turchi" \t "_blank" L'obiezione di coscienza.
 
Prof. Jesús Ballesteros, El derecho a la vida y el derecho al ambiente. 
 
Prof. John Finnis,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/finnis/finnis" \t "_blank" Natural law - Positive law.

LEGISLATIVE LANDSCAPE 
(COMUNICATIONS)
  
Prof. Tadaeus Styczen,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/styczen/styczen" \t "_blank" Le leggi contro la vita, analisi etico - culturale.

Prof. Andrés Ollero,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/ollero/ollero" \t "_blank" Convicciones personales y actividad legislativa.

Prof. Antonio Tarantino,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/tarantino/tarantino" \t "_blank" L'insegnamento della Filosofia del diritto (Diritto Naturale) nella Facoltà di giurisprudenza.
 
Prof. Msgr. Roland Minnerath,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/minnerath/minnerath" \t "_blank" Le rôle des traditions juridiques dans les débats internationaux sur le droit à la vie HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/" .
 
Prof. Carl A. Anderson, The right of Life in the American Legal System.
 
Prof. Heinhard Steiger,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/steiger/steiger" \t "_blank" Recht auf Leben in deutschen Verfassungssystem.
 
H.E. Card. Paul Mounghed El-Hachem, L'experience juridique islamique et le droit à la vie.
 
Prof. Denis Cavanagh,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/cavanagh/cavanagh" \t "_blank" Right to Life in the American Medical System HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/" .
Dr. Consuelo Garcia, Dott. Horacio Sanchez Parodi, Dott. Hugo Adrian V. Ustinov,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/garcia/garcia" \t "_blank" El reconoscimiento del derecho a la vida en la cultura jurídica argentina.
Dr. Jorge Oscar Perrino, Dott. Francisco Jose Terrier, Dott. Miguel Gonzales Andia, Dott.ssa Maria Ines G. Zoya De Perrino, La persona y el derecho a la vida en la legislación argentina.
  
SPECIAL ISSUES
Prof. Luciano Eusebi, Corresponsabilità verso le scelte giuridiche della società pluralista e criteri di intervento sulle c.d. norme imperfette.

Prof. Guido Miglietta, Evangelium vitae tra coscienza professionale e obiezione di coscienza. Il tema dell'obiezione nel Magistero recente.

Prof. Ana Maria Vega Gutiérrez, Los «derechos reproductivos» en la sociedad postmoderna: un defensa o una amenanza contra el derecho a la vida?
Prof. Franco Bolognini, Brevi considerazioni sull'enciclica Evangelium vitae e diritto.

Prof. Francisco Mendoza,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/mendoza/mendoza" \t "_blank" Programa de derecho a la vida y la identidad. 
 
Prof. Joaquín Mantecón Sancho, HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/mantecon/mantecon" \t "_blank"  Eutanasia derecho a la vida y politica penal.
 
Dr. Augusto Romano, Dr. Elena Postigo,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/romano_postigo/romano_postigo" \t "_blank" Sul fondamento della tutela nelle questioni ambientali.
 
Dr. Pierluigi Consorti,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/consorti/consorti" \t "_blank" Il diritto alla vita come fondamento del diritto alla pace. Profili giuridici alla luce della Evangelium vitae.
 
Dr. Maria Elena Campagnola, La dimensione ministeriale della donna nella Evangelium vitae.
 
Prof. Claudio Moltedo Castaño,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/moltedo/moltedo" \t "_blank" Evangelium vitae y derecho del trabajo y de la seguridad social.
 
Prof. Hernan Corral Talciani, Sobre la fundamentacion de la protección jurídica de la vida humana. El «valor sagrado» de la vida en dworkin y la encíclica Evangelium vitae.
 
Prof. Cristobal Orrego, La enciclica Evangelium vitae, acto magisterial y jurídico-político. La jerarquía católica posee potestad jurìdico-polìtica sobre cuestiones temporales.

Dr. Jorge O. Perrino, Dott. Miguel Gonzales Andia, Trascendencia jurídica de las nuevas tecnologías de reproducción humana y de la investigación genética: «Status jurídico y protección legal de tejido embrionaríos pre-implantados».

Dr. Jorge Adolfo Mazzinghi,  HYPERLINK "http://academiavita.org/template.jsp?sez=Pubblicazioni&pag=testo/ev_diritto/mazzinghi/mazzinghi" \t "_blank" La fragilidad del matrimonio en raíz de un ataque a la vida.
Mons. ELIO SGRECCIA

LE LEGISLAZIONI SULLA CORPOREITÀ
Il saluto della Pontificia Accademia per la Vita

Desidero anzitutto associarmi al saluto e al ringraziamento rivolto ai relatori e ai partecipanti da S.E. il Card. Lopez Trjillo e da S.E. Mons. Herranz Julian.
La Pontificia Accademia per la vita aveva un preciso titolo e un dovere in ordine alla partecipazione attiva per promuovere e organizzare questo Simposio, proprio in forza del preciso mandato che la Evangelium Vitae assegna all'Accademia.
Rivolgendosi agli intellettuali cattolici in particolare l'Enciclica afferma: "Un compito particolare spetta agli intellettuali cattolici, chiamati a rendersi attivamente presenti nelle sedi privilegiate della elaborazione culturale, nel mondo della scuola e delle università, negli ambienti della ricerca scientifica e tecnica, nei luoghi della creazione artistica e della riflessione umanistica. Alimentando il loro genio e la loro azione alla chiare linfe del Vangelo, si devono impegnare a servizio di una nuova cultura della vita con la produzione di contributi seri, documentati e capaci di imporsi per i loro pregi al rispetto e all'interesse di tutti".
E il S.Padre continua parlando in prima persona con questa affermazione: "Proprio in questa prospettiva ho istituito la Pontificia Accademia per la Vita con il compito di studiare, informare e formare circa i principali problemi di biomedicina e di diritto, relativi alla promozione e alla difesa della vita, soprattutto nel diritto rapporto che essi hanno con la morale cristiana e il Magistero della Chiesa" (n.98).
La Pontificia Accademia per la vita è stata istituita un anno prima della pubblicazione della Enciclica, ma si capisce che nell'ambito della diffusione e applicazione di questo insegnamento l'Accademia riconosce la sua ragione d'essere e il suo principale compito.
 Nell'ottica di questo ruolo che le è proprio, anche se non in modo certo esclusivo, riteniamo che due siano i compiti specifici e caratterizzanti per l'Accademia:
a) in primo luogo il dialogo tra le scienze biomediche da una parte e l'insegnamento della Chiesa dall'altra sulla difesa della vita umana (dialogo tra scienza ed etica, detto in termini più laici);
b) il secondo luogo l'armonia tra morale e diritto nella difesa della vita umana dal concepimento alla morte naturale (dialogo tra etica e diritto).
Il Simposio che oggi ha inizio si colloca in questo secondo obiettivo, di pari importanza del primo: ritengo che dalla possibilità di stabilire questo ponte fra scienza ed etica e fra etica e diritto dipenderà buona parte dell'equilibrio delle società nel futuro. Ma tale dialogo fra etica e diritto, a mio modesto parere, acquista un particolare valore di attualità per diverse ragioni.
Anzitutto è proprio questo il momento storico in cui le questioni di bioetica vengono a dar vita al c.d. biodiritto. Quasi tutti i parlamenti dei Paesi Occidentali registrano il dibattito, o già in corso o in gestazione, sulle questioni più delicate di bioetica ed in ordine a questo lavorano Comitati di bioetica a livello nazionale e internazionale. Le Conferenze Internazionali più recenti organizzate dalle Nazioni Unite, o in programma, hanno come oggetto principale problemi che sono eminentemente bioetici.
Un noto storico della medicina e cultore riconosciuto di bioetica (Diego Gracia) ha trattato in un suo recente lavoro questo passaggio della bioetica al biodiritto, inquadrandolo nella storia evolutiva delle democrazie occidentali.
Egli parla di tre generazioni di diritti che riguardano la salute: la prima generazione nasce con la formulazione dei diritti che hanno fondato le democrazie occidentali. L'ispiratore di questi diritti è il filosofo inglese Locke, il quale fonda l'idea di democrazia sul concetto di natura "che fa di ogni uomo il padrone di se stesso", pensiero che troverà l'espressione politica nella costituzione inglese e in quella degli Stati Uniti, nonché nel pensiero illuminista della rivoluzione francese.
Nel quadro di questo pensiero liberale vengono acquisiti e formulati alcuni diritti sanitari fondamentali: il diritto alla vita, il diritto alla salute e il diritto alla libertà individuale. Il diritto alla libertà individuale veniva a sanzionare quel principio di autonomia in ambito sanitario che si opponeva al paternalismo medico.
Secondo Gracia quelli che oggi chiamiamo i diritti dei malati sono concretizzazioni e specificazioni dei diritti civili e politici proclamati nei sec. XVII-XVIII e giunti con ritardo nell'ambito sanitario.
La seconda generazione dei diritti sanitari sorge con la rivoluzione sociale che prende il via a partire dalla metà del sec. XIX. Il principio di giustizia sociale viene a correggere quello di libertà. L'ideale liberale fu quello di determinare ilminimal state, specificando ciò che lo Stato non doveva fare (diritti negativi);  l'ideale sociale vuole configurare unmaximal state, indicando in senso positivo quello che lo Stato deve fare per realizzare uguaglianza e giustizia sociale. Nasce qui nell'ambito di questa visione del sociale, sempre secondo Gracia, il diritto all'assistenza medica. Tale diritto trova la sua espressione nella Dichiarazione dei diritti dell'uomo del 10 dicembre 1948 all'art. 22 dove si parla di "soddisfazione dei diritti economici, sociali e culturali indispensabili alla sua dignità e al libero sviluppo della personalità", e nell'art.25, dove si afferma che "ogni persona ha diritto ad un livello di vita adeguato che gli assicuri, così come alla sua famiglia, la salute e il benessere e, in particolare, il cibo, il vestito, l'abitazione, l'assistenza medica e i servizi sociali necessari; ha anche il diritto agli aiuti, in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o altri casi di perdita dei mezzi di sussistenza, per circostanze indipendenti dalla sua volontà". Si tratta di due diritti: quello dell'assistenza sanitaria per garantire preventivamente la salute e quello dell'aiuto in caso di malattia.   Dalla democrazia liberale si passa dunque alla democrazia sociale, anche nell'ambito della sanità. Nel nostro tempo sorgono i diritti della 3a generazione che dovrebbero portare, secondo la riflessione di Ignacio Are Parrilla (riferito da Diego Gracia) alla democrazia reale.
Questo concetto muove dalla constatazione che "le democrazie attuali sono molto poco democratiche: potranno esserlo completamente solo se sono capaci di prendere decisioni tenendo in considerazione gli interessi non già dei parlamentari che fanno le leggi o dei politici che le applicano e neppure della società che rappresentano, bensì di tutta la comunità ideale di comunicazione, cioè di tutti gli uomini presenti e futuri". Si avverte qui il richiamo del pensiero di Apel e Habermas e di H.Jonas. Il traguardo della democrazia reale implicherebbe così i diritti che hanno a che fare con la bioetica e l'ecologia: il rispetto del genoma, la regolamentazione dei processi di generazione e il rispetto dell'ambiente di vita.
Le raccomandazioni del Consiglio d'Europa parlano di "diritto a un patrimonio genetico non manipolato" salvo le applicazioni terapeutiche, e l'Assemblea delle Nazioni Unite nel 1987 esorta a preparare una Dichiarazione universale sulla protezione dell'ambiente e lo sviluppo. L'UNESCO sta preparando una dichiarazione sul genoma umano definito, con un'espressione non priva di equivocità, "patrimonio della umanità".
Dunque la terza generazione di diritti, che ha il compito di far maturare il concetto stesso di democrazia, dovrebbe essere costituito dai diritti che nascono dalla riflessione bioetica e di etica bioecologica.
Dunque, la bioetica, secondo questo pensiero (di D.Gracia) che credo degno di considerazione, non sarebbe semplicemente una disciplina, che ambisce agli onori accademici, non sarebbe soltanto un movimento culturale, ma costituirebbe un movimento politico e una sorgente di diritti nuovi.
A questo punto si pone ovviamente il problema del rapporto tra bioetica e biodiritto: come si colloca il diritto e la formulazione della legge di fronte ai valori etici che vengono elaborati dalla bioetica? In campo internazionale si parla di due strade: la British way e la French way, secondo una espressione di P.Zatti.
La French way, che si è affermata nella legge del 1994 sulla bioetica, "assegna al legislatore - sulla base della consultazione e del consenso delle componenti sociali - il compito di garantire uno schema di preservazione di valori, senza il quale la prassi scientifica e lo stesso costume prenderebbero vie senza ritorno". Nella British way "la legge segue, sia nel tempo che nei contenuti, il consenso sociale"; e sostanzialmente si limite a correggere i margini di dissenso.
In queste due "vie" non si riscontra, alla base del rapporto tra etica e diritto, una riflessione teorica, che stabilisca quali debbano o possano essere i rapporti tra bioetica e biodiritto, se ci debba essere un territorio comune, pur nella reciproca autonomia e in che cosa consista. Le legislazioni hanno preceduto con soluzioni pragmatiche secondo due modalità o tendenze non teorizzate, l'una più direttiva e l'altra di semplice riconoscimento del consenso sociale.
Più grave ancora mi sembra una terza operazione che si sta affermando nel dibattito bioetico ed è quella della separazione tra morale privata ed etica pubblica nell'ambito del c.d. pluralismo etico: la morale privata si fonderebbe sulle convinzioni religioso-morali dell'individuo e perciò è da affidare totalmente al tribunale della coscienza privata mentre l'etica pubblica è quella che viene definita dal consenso della comunità etica e praticamente viene ad essere concretizzata nella legge.
I problemi della vita, della procreazione ivi compresi quelli dell'aborto e dell'eutanasia vengono affidati alla coscienza privata e la legge dovrebbe soltanto garantire in merito la libertà di coscienza e di comportamento, la scelta individuale.
Si tratta dunque oggi non soltanto di meglio definire e fondare il rapporto tra bioetica e biodiritto, ma anche di rivendicare la legittimità di un discorso etico in ambito sociale e la sua rilevanza in ambito giuridico. La legge tenderebbe sempre di più a diventare il sostituto della morale o addirittura il suo fondamento costitutivo.
E la morale viene sempre di più, in nome del pluralismo e della privacy, ad essere considerata socialmente irrilevante.
E' per questi motivi che da parte della Pontificia Accademia per la vita, ed io credo anche da parte di quanti si occupano specificamente dei problemi bioetici, specialmente di quelli più fondamentali quali sono esposti nella prima parte della Enciclica Evangelium Vitae, vada compiuta una riflessione di natura etica approfondita e criticamente attenta alle tendenze attuali del pensiero filosofico e giuridico.
Sono certo che questo simposio costituirà un punto di partenza e di riferimento di alto valore culturale e sociale e in questo senso formulo a nome della Pontificia Accademia per la vita gli auguri più fervidi di pieno successo.
Mons. CARLO CAFFARRA
 
VERITATIS SPLENDOR - EVANGELIUM VITAE:  IL DESTINO DELL'UOMO
 
 
La mia riflessione sul rapporto fra le due encicliche si limiterà ad una considerazione essenziale. Essenziale in due sensi: essa verterà solo su un "nodo" teoretico che reputo essere il punto di incrocio dei due documenti; essa si limiterà a riflettere su questo "punto di incrocio" in maniera molto scarna.
  
1. L'INCONTRO DELLE DUE ENCICLICHE
 
 
Per cogliere nella sua rigorosa delimitazione ciò che ho chiamato "punto di incrocio" delle due encicliche, propongo di seguire il seguente cammino. Dapprima percorreremo, con un percorso teoretico interno al documento stesso, l'Enc. Evangelium Vitae (EV) nel suo, direi, svolgimento più "drammatico". Lo stesso faremo con l'Enc. Veritatis Splendor (VS). Ad un certo momento, vedremo che i due percorsi si incontrano. 
1,1. Fra i molti attentati contro la vita, di cui siamo testimoni oggi, due sono che, secondo EV, devono attirare la nostra attenzione soprattutto: gli attentati contro la vita che accadono nel contesto dell'inizio della vita e quelli che accadono nel contesto della fine della vita. Per quali ragioni questi attentati fanno maggiormente pensare? Perché inizio-fine della vita sono i due momenti in cui la libertà della persona è "sfidata" a compiere il suo atto, la sua scelta decisiva: la scelta di fronte a Dio. Questi due momenti sono abitati da un mistero, sono luoghi sacri dentro questo mondo, nei quali è Dio stesso che si rende presente.
L'inizio della persona umana, che coincide col suo concepimento, è effetto di un atto creativo di Dio: l'uomo e la donna pongono le condizioni della venuta all'esistenza di una nuova persona umana. Essi aprono solo lo spazio in cui Dio, se vuole, possa compiere il suo atto creativo. Questo evento, la consapevolezza di questo evento fonda la religione come tale, distinguendola da, e contrapponendola ad ogni forma di superstizione o magia. Il senso religioso si nutre del terreno di questa consapevolezza: la consapevolezza del proprio essere, come "essere dipendenti da un Altro". Possiamo così capire perché l'inizio della vita umana, il trovarsi di fronte alla venuta nell'esistenza di una nuova persona umana provoca la libertà alla sua decisione più forte: quella di fronte alla ragione stessa dell'essere, al "logos" della realtà. Donde viene questa nuova persona? Se è il risultato casuale o necessario di eventi biologici, naturali ed impersonali, essa si riduce ad essere un "momento" di un processo, senza che ad essa possa essere attribuito un io personale ed eterno. La concessione all'uomo di un io eterno (la più grande concessione!) sta o cade assieme all'affermazione della dipendenza nell'essere da Qualcuno, non da qualcosa. L'affermazione della dignità della persona umana ha la stessa sorte dell'affermazione di Dio creatore. Infatti, o sono un io davanti a Dio o non lo sono per niente. Di fronte alla persona neo-concepita, di fronte alla persona neonata, arrivata fra noi, che chiede semplicemente di essere accolta, veramente ogni altra persona si trova posta direttamente di fronte al Mistero di Dio. Mai come in quell'incontro sono vere le parole di Gesù: "quello che avete fatto al più piccolo ... lo avete fatto a me". E qui, si scopre il significato ultimo della giustificazione dell'aborto, compiuta nella cultura contemporanea.
Consentitemi di attirare la vostra attenzione sul fatto che non ho parlato semplicemente della pratica dell'aborto. Non intendo anzi parlare di essa. Parlo della giustificazione dell'aborto, cioè di quel fatto "spirituale" che ha condotto a considerare l'aborto come un diritto, una facoltà cioè fondata sull'ordine della giustizia. Che cosa significa questo fatto, mai accaduto prima nella storia dell'umanità? E' la prima radicale affermazione di un progetto di liberazione fatta coincidere con lo sradicamento della persona dall'essere. Ciò che voglio dire, e su cui ritornerò lungamente più avanti, è che la giustificazione dell'aborto costituisce il compimento di un percorso teoretico-esistenziale. Questo percorso nasce dalla decisione di consegnare l'uomo esclusivamente a se stesso.
Ma tutto questo si illumina ulteriormente meditando sull'altro estremo della vita: il suo termine, la sua morte. Qui si pone in maniera ancora più provocante la domanda posta all'inizio della vita: quell'essere finito che è la persona umana trova in se stessa la giustificazione del proprio essere o fuori di essa? In sostanza, il problema posto dall'evento dell'inizio e dall'evento della fine della vita umana è quello di scegliere fra l'auto-giustificazione o l'etero-giustificazione del finito. Nessuno più di Dostojevskji ha visto che questo era il problema posto dalla morte: da chi dipende il morire? E nello stesso tempo nessuno più di lui ha capito che il morire dipende dallo stesso da cui dipende il vivere. Sradicare la persona dal Mistero che dimora in essa, significa soprattutto giustificare il suicidio, anzi nobilitarlo come scelta della vita, della qualità della vita: è l'uomo che deve giudicare quando la sua vita è degna di essere vissuta o non. E questa è la definizione precisa di eutanasia.
Aborto ed eutanasia, o meglio legittimazione dell'aborto e dell'eutanasia hanno lo stesso significato, perché hanno la stessa origine spirituale. E' su questa origine che vorrei ora riflettere brevemente.
Essa potrebbe essere descritta come il progetto, ora giunto al suo compimento, di affermare la persona umana come soggetto la cui definizione originaria e completa è la libertà di scelta. E' necessario insistere su quella duplice qualificazione. Originaria: niente e nessuno sta prima della libertà di scelta: completa: la persona è costituita interamente dalla sua libertà. HYPERLINK "http://academiavita.org/index.php?option=com_content&view=article&id=127%3Amons-carlo-caffarra-veritatis-splendor-evangelium-vitae-il-destino-delluomo&catid=1%3Aevangelium-vitae-e-diritto&Itemid=67&lang=en" \l "nota1" 1
 
Volendo addentrarci più profondamente in questo progetto, vediamo che esso si nutre di tre avvenimenti spirituali che lo hanno costituito. In primo consiste nel negare l'orientamento dell'intelletto alla verità. La vita spirituale, continua a ripetere S. Tommaso, nasce con l'apprehensio entis e si nutre continuamente in esso. E' negato che la coscienza sia originariamente coscienza dell'essere riducendosi l'essere alla coscienza. L'idea di verità è qui colpita alla radice e sostituita dal consenso. Il secondo avvenimento spirituale è costituito dalla conseguente costruzione di un'esperienza di libertà che non si fonda più su nulla se non su se stessa: è auto-fondantesi. E' essa che costituisce puramente e semplicemente l'esistenza umana. Il terzo avvenimento spirituale è costituito dall'esito finale di tutto questo processo: l'elevazione dell'utile e/o del piacevole ad unico criterio di libertà e di verità. Vi era un solo modo di "togliere" (aufheben, in senso hegeliano) l'inizio e la fine della vita. Affermare che di essi è padrone assoluto l'uomo. Cioè: che di fronte ad essi, la libertà è "indifferente", dovendo essa decidere autonomamente. E siamo precisamente all'aborto come "auto-determinazione" ed all'eutanasia come "scelta di vivere o non". Quale è stato l'esisto finale di questo progetto? Il puro sensualismo permissivista. L' "isolarsi da ogni oggettività, da ogni realtà esistente indipendentemente da noi, questo staccamento ha lanciato l'uomo contemporaneo in un'atmosfera ludica nella quale l'unico criterio di oggettività è lo stato d'animo dell'individuo". HYPERLINK "http://academiavita.org/index.php?option=com_content&view=article&id=127%3Amons-carlo-caffarra-veritatis-splendor-evangelium-vitae-il-destino-delluomo&catid=1%3Aevangelium-vitae-e-diritto&Itemid=67&lang=en" \l "nota2" 2
 
1,2. Vorrei ora, ma più brevemente, percorrere un cammino teoretico dentro V.S.
E' stato giustamente osservato che il nucleo dottrinale più importante di VS è costituito dall'affermazione dell'esistenza di atti intrinsecamente cattivi, vale a dire nel sostenere che ci sono comportamenti concreti che sono moralmente cattivi "sempre e per sé, ossia, per il loro oggetto, indipendentemente dalle ulteriori intenzioni di chi agisce e dalle circostanze"(VS 80). Questo insegnamento sembra, ad uno sguardo superficiale, di poco conto alla fine. In realtà trattasi di un punto dicentrale importanza. Di qui inizia il nostro breve percorso teoretico dentro V.S.
Occorre partire da una idea centrale nell' antropologia tomista: l'agire libero è la perfezione della persona (actus secundus). Anzi in Tommaso è costante l'affermazione che ogni essere è in vista del suo agire. Insomma, l'agire libero è la pienezza dell'essere personale. Che significa allora quell'insegnamento di VS? Qual è la sua portata? "Nella questione della moralità degli atti umani, e in particolare in quella dell'esistenza degli atti intrinsecamente cattivi, si concentra in un certo senso la questione stessa dell'uomo, della sua verità". (VS 83,1).
Infatti, l'affermazione dell'esistenza di atti intrinsecamente cattivi implica una certa definizione di libertà, costituita (la definizione) nel suo rapporto con la verità. Che cosa significa "atto intrinsecamente cattivo"? Significa atto che nega l'essere stesso della persona umana in quanto esso è conosciuto dalla ragione pratica dell'uomo. Si ha qui un plesso, una connessione teoreticamente inscindibile di essere (della persona), verità (conosciuta dalla ragione pratica) e libertà. Ed è questo "plesso" che costituisce, mi sembra, il "nucleo essenziale" di VS, nella affermazione della reciproca appartenenza di essere-verità-libertà, un'appartenenza che si afferma e si nega precisamente nell'agire, cioè nella nostra storia quotidiana e nella nostra cultura. Ma forse è meglio che procediamo più analiticamente.
Ciò che viene qui affermato è che l'essere della persona è dato alla libertà della stessa, nel senso che questa può far essere la persona, dal momento che (prima) la ragione lo ha conosciuto. La libertà non è quindi auto-origine, cominciamento da se stessa, puro ed assoluto inizio, che nulla e nessuno precederebbe. La sua radice sta nell'essere conosciuto dalla ragione pratica, cioè nella verità.
Con ciò non è tolto valore supremo (ripeto supremo), alla libertà, poiché è essa che ha in suo potere di "far essere" la persona o di negarla. Anzi solo la salvaguardia del plesso "essere-verità-libertà", quale è affermato da VS, ridona supremazia alla libertà.
Infatti, se esistono atti intrinsecamente ingiusti, allora è riconosciuto alla libertà un potere negante e, per contrarium, un potere affermante illimitato. Sul piano morale la libertà può "nientificare" la persona, introducendo nell'esistenza con l'atto libero, una privazione di un bene che avrebbe dovuto esserci, ossia il male. Ferisce l'essere più degno che esista, la persona. Così come la libertà possiede il potere di "far essere" la persona, compiendosi questa con quell'atto che le conferisce pienezza di essere, cioè con l'atto moralmente buono.
Se invece tutto viene sospeso alla libertà, e questa non ha altro fondamento che se stessa, essa finisce col perdere ogni valore. Se niente è differente, ma se tutto ed il contrario di tutto ha uguale valore, allora alla fine niente è differente e tutto è indifferente; allora non esiste contrarietà e tutto è uguale. E' come se uno cominciasse a cucire, ma si fosse dimenticato di fare il nodo in fondo al filo! L'esistenza è un gioco.
Non è difficile vedere, a questo punto, che quel plesso su cui si regge VS di essere-verità-libertà è esattamente il contrario speculare di quel "progetto di liberazione" di cui ho parlato, ripercorrendo EV. Questo progetto è precisamente l?espulsione dall'esperienza umana del plesso essere-verità-libertà, attraverso la negazione della naturale intenzionalità dell'intelletto all'essere, la negazione che esista un primum nei confronti della libertà di scelta ed infine la nobilitazione del desiderio o interesse dell'individuo come unico criterio di azione. La prima negazione espelle l'essere (della persona) dalla coscienza, riducendolo ad "essere di coscienza"; la seconda espelle la verità dalla definizione di libertà; la terza finisce coerentemente col togliere alla libertà ogni serietà, riducendola alla mera ricerca di ciò che mi è utile o mi piace.
Ho concluso il primo punto della mia riflessione. Ci eravamo chiesti: dove si incontrano EV e VS? La risposta è la seguente. Si incontrano nella difesa ed affermazione della persona umana, minacciata oggi da un progetto che ha distrutto la "dimora" della persona: la Verità che fa liberi.
 
2. CHRISTUS HODIE: VERITATIS SPLENDOR E EVANGELIUM VITAE
 
Siamo al punto ormai in cui all'uomo è posto una alternativa inevitabile: o arrivare ad una totale auto-distruzione consumata in un gioco leggero oppure alzarsi per incontrarsi col Vangelo della libertà e della vita vera. E' in questo contesto che la Chiesa deve in primo luogo annunciare il Kerigma evangelico.
Vorrei a questo punto citare due testi di importanza centrale. "Il Vangelo della Vita è una realtà concreta e personale, perché consiste nell'annuncio della persona stessa di Gesù" (EV 29,2). "Bisogna però che noi ... non ci fermiamo solo ad ammonire i fedeli circa gli errori e i pericoli di alcune teorie etiche. Dobbiamo, prima di tutto, mostrare l'affascinante splendore di quella verità che è Gesù Cristo stesso" (VS 83,2). Dunque: il Vangelo della vita è la persona stessa di Gesù: Egli è affascinante splendore della Verità. La soluzione vera della condizione in cui è andato a cacciarsi l'uomo oggi, è solo ed esclusivamente l'incontro con "l'affascinante splendore di quella verità che è Gesù Cristo stesso".
Due sembrano essere oggi, soprattutto, i tentativi di vivere questo incontro, le strade disegnate per giungere a questo incontro, e che al contrario non concludono a nulla.
La prima è la riproposizione di una tentazione che il cristianesimo si porta sempre dentro, fin dal principio, la tentazionegnostica. Con essa intendo quella tendenza a porre la salvezza dell'uomo fuori dalla storia, che è irrimediabilmente perduta, fuori da questo mondo che non è affetto ridemibile. A porre la salvezza in una sorta di "illuminazione-esperienza-evasione" interiore. Ciò che qui è tolta, è la fisicità, la concreta storicità dell'incontro salvifico della persona.
La seconda è la via pelagiana, via che non è mai stata definitivamente sconfitta nella coscienza della Chiesa. Essa pensa che esiste un solo modo di incontrarsi con "l'affascinante splendore di quella verità che è Gesù Cristo stesso", quella diimitare la sua vita, di agire come Lui ha agito
Guardando le cose più in profondità, si vede che le due strade nascono da una certezza più o meno consapevole: che oggiCristo, nella sua persona, non è più incontrabile, che la sua persona appartenga al passato. Christus heri, e non hodie. Penso che esista una profonda connessione fra il quadro che ho delineato nel primo punto, la situazione spirituale contemporanea alla luce di EV e VS, e la "dimenticanza" della presenza attuale di Cristo, l'assenza di un incontro reale non colla sua dottrina, ma colla sua Pers